Aumentare la domain authority: cosa c’è da sapere?

Aumentare la domain authority (o DA – https://www.spider-link.it/domain-authority-cose-e-come-incrementarla/) significa rafforzare uno dei parametri che mostrano quanto un sito web stia avendo successo, insieme al suo grado di affidabilità.

Questo indicatore di massima, elaborato dall’azienda privata MOZ, non fa riferimento ai risultati dei più importanti motori di ricerca. Nonostante ciò, si tratta di una metrica attendibile, poiché la società statunitense è molto nota anche al di là del mondo dell’informatica.

Ma in che cosa consiste il punteggio conseguito con la DA? Si tratta di una stima dei consensi ricevuti e, in quanto tale, non va visto in termini assoluti. Piuttosto, è da considerare una misura di comparazione tra due o più domini.

In quest’ottica, se una crescita del valore è importante per qualsiasi sito web, lo è ancora di più per e-commerce, blog e spazi virtuali che richiedono aggiornamenti frequenti e a cadenza regolare. Vediamo quindi come dare il giusto peso ad un metro di valutazione del genere.

Aumentare la domain authority in relazione al suo andamento

Senza andare troppo nello specifico, possiamo affermare fin da adesso che il valore restituito dipende sia dalla qualità del proprio sito web che di quelli altrui. Conoscerli è utile per capire se sia il caso di inserire o meno dei backlink.

In qualche modo, questo indicatore è affine al servizio PageRank. Quest’ultimo, diversamente dal DA, è valido entro una determinata pagina di riferimento e può variare a seconda del dominio e dei sotto-domini.

Al di là di eventuali analogie e differenze, comunque, è indispensabile fare chiarezza sul suo andamento, al fine di capire come intervenire per accrescerla. Da un punto di vista matematico, infatti, la domain authority ha caratteristiche del tutto simili a una funzione logaritmica.

In altre parole, ad un valore di partenza più alto, corrisponderà un incremento più piccolo. Pertanto si avrà più difficoltà ad agire sulle singole componenti da modificare, per ottenere la variazione desiderata.

Tanto per fare un esempio, è più facile arrivare da 15 a 40, piuttosto che passare da 50 a 75. Nel secondo caso, il salto richiederà un’analisi più accurata e un impegno maggiore, a parità di intervallo. Ad ogni modo, i valori assunti saranno compresi sempre tra 0 e 100.

Alcuni consigli per far crescere la DA

In base alle precisazioni fatte, la domain authority ha un valore numerico che dipende da diverse incognite. Tra queste ricordiamo il numero di visite, l’entità e l’età dello spazio web, la qualità e quantità dei domini che linkano il sito.

Inoltre occorre tenere in considerazione il livello di diffusione sui social web ed i fattori di MOZ. Tra questi ultimi rivestono una grande importanza due parametri, entrambi su scala da 0 a 10:

• MozRank, che offre una stima sulla qualità dei link;
• MozTrust, che determina quanto lo spazio web sia collegato a pagine di alto livello di affidabilità.

Per aumentare la DA, quindi, è necessario agire su più fronti. In particolare, bisogna puntare non solo sulla quantità dei link in ingresso, ma anche sulla loro qualità. In questo caso, meglio ancora se si tratta di categorie affini a quelle delle proprie pagine.

In tale frangente, è molto importante rivedere la qualità dei contenuti (audio, video, file di test, etc…) e aumentare la visibilità nelle piattaforme social più note del momento. Anche rendere più agevole la navigazione permetterà di conseguire l’obiettivo, con un maggiore apprezzamento del pubblico.

In definitiva, aggiungere una versione mobile a quella desktop, fare degli aggiornamenti periodici e conferire una strutturazione ancora più intuitiva (magari in HTML 5) renderanno il sito web più veloce e godibile per gli internauti.