Come spostare una presa elettrica senza rompere il muro

Le esigenze domestiche nel corso del tempo possono cambiare e richiedere delle modifiche che, per i non esperti, possono risultare impossibili o troppo invasive. Trasformare uno studio inutilizzato in una cameretta per un nuovo arrivato è tra le ipotesi più ricorrenti, ma uno dei problemi che si incontrano più spesso è quello che riguarda lo spostamento delle prese elettriche.

L’introduzione di nuovi mobili o la necessità di spostare quelli già presenti può precludere l’uso di alcune prese elettriche e richiederne di altre. In questi casi sembra impossibile poter spostare le prese senza rompere il muro e quindi rivolgersi ad un esperto del settore con conseguente aumento dei costi. La soluzione, al contrario è più semplice di quello che si pensa e a spiegarcelo sono proprio degli esperti, ovvero i tecnici di elettricistagenovaeprovincia.it, servizio elettricista attivo a h24 nella città di Genova.

Si possono spostare le prese elettriche senza rompere il muro?

Se le prese elettriche non sono nella posizione giusta per poterle utilizzare al meglio, si può ricorrere a delle prolunghe, queste devono essere posizionate con attenzione per evitare che stiano sempre fra i piedi, ricorrendo ad alcuni piccoli trucchi che tutti possono realizzare. Le prolunghe infatti possono essere pericolose se non sistemate bene per non dare fastidio.

In primis, bisogna individuare la posizione delle prese, se ci sono dei battiscopa mobili ad esempio è possibile sistemare la prolunga all’interno, in questo modo si avrà un prolungamento del sistema elettrico. In alternativa, si possono acquistare delle canaline di sicurezza specifiche per l’impianto elettrico, gradevoli esteticamente ma soprattutto sicure che consentono di nascondere il cavo e tenerlo fermo.

O ancora, si può optare per dei chiodini a morsetto che si possono utilizzare per fissare il cavo della prolunga lungo la parete.

Come prolungare l’impianto elettrico per lo spostamento delle prese

Qualsiasi intervento elettrico deve essere svolto in sicurezza, pertanto, anche solo per provare la presa è importante chiudere l’intero impianto dall’apposito interruttore per lavorare con tutte le accortezze richieste. Solo a lavori ultimati, si può ripristinare la corrente. La soluzione migliore per spostare la presa e averla nel punto più comodo è quella di inserire la prolunga all’interno del battiscopa.

Il risultato estetico è migliore perché non si noterà praticamente nulla, i cavi non saranno visibili. Questa opzione è percorribile solamente se il battiscopa è mobile e si può staccare semplicemente con un cacciavite senza rompere alcun muro. Basterà infatti comprare in ferramenta una cassettina elettrica già pronta, grazie alla quale trasferire l’elettricità dalla vecchia presa a quella nuova facendo scorrerei i cavi fino al punto desiderato.

Il cavo, per un risultato migliore, può essere bloccato all’interno del battiscopa con appositi chiodini o una canalina, il lavoro sarà leggermente più lungo ma migliore rispetto ad un cavo libero. A questo punto non si dovrà fare altro che chiudere il battiscopa per avere la presa nel punto giusto.

Spostare la presa con il fai da te

Nel caso in cui i battiscopa siano fissi, la soluzione più semplice per spostare la presa elettrica senza interventi murari è quella di acquistare le canaline passacavi che si attaccano al muro con appositi chiodini. Per prima cosa, si posizionano i fili elettrici della prolunga nel modo migliore e meno invasivo per l’estetica che si desidera avere nella stanza per poi fissarli all’interno della canalina.

In questo modo, non sarà necessario applicare cartongesso o ulteriori materiali per nascondere i fili visibili in quanto le canaline possono essere pitturate e dunque diventano un elemento decorativo che si uniforma facilmente all’ambiente in cui viene introdotto.