Infissi e serramenti: qual è la differenza

Spesso e volentieri tendiamo a confondere i concetti di infissi e serramenti, utilizzandoli di conseguenza come sinonimi per indicare sia le porte che le finestre. Sebbene siano strettamente connessi e dipendenti gli uni dagli altri, è bene sfatare questo mito in quanto presentano delle differenze sostanziali sia dal punto di vista tecnico che secondo quello architettonico. Vediamole insieme per chiarirle una volta per tutte, grazie anche all’aiuto del fabbro a Milano che puoi consultare qui.

Cosa sono gli infissi

Per chiunque si stesse ponendo questa domanda, si può parlare di infisso facendo riferimento alla struttura perimetrale che caratterizza sia le porte che le finestre, ovvero a quella cornice la quale si presenta in forma rigida e che si trova ancorata al muro in modo fisso per mezzo di sistemi di fissaggio come ad esempio le viti o i controtelai (anche denominati falsi telai); questi ultimi sono solitamente composti da alluminio o legno e fanno da legante tra il telaio e la muratura. Quando ci si riferisce ad un infisso si tratta dunque di quell’elemento che funge da supporto per la parte rimanente, ovvero il serramento (detto anche anta).

Il mercato offre ogni genere di possibilità, da quelle più economiche a quelle più costose, adattandosi quindi ad ogni sorta di aspettativa e possibilità e distinguendo due categorie principali di infisso: quello più idoneo agli spazi esterni, solitamente composto da materiali maggiormente resistenti sia agli agenti atmosferici che agli sbalzi climatici come il legno, l’alluminio, il PVC e l’acciaio, e quello adatto alle aree interne, utilizzato solo per dividere gli spazi e più comunemente in PVC o legno.

Cosa sono i serramenti

Ogni qual volta ci si riferisce al termine serramento è bene tenere in considerazione la funzione che ricopre; ovvero quella di chiudere o aprire uno spazio che consente alle persone di entrare ed uscire, o attraverso il quale far penetrare la luce del sole oppure oscurare l’ambiente.

In questo modo sarà più facile per la memoria ricordare che si tratta della vera e propria anta che dà vita a porte e finestre di ogni sorta come ad esempio: grandi portoni, portoncini, porte interne, porte-finestre, finestre ed infine persiane. Ogni struttura può essere composta da soluzioni di vario genere come ad esempio: ante battenti, a libro, scorrevoli o a vasistas. Anche in questo caso, tra i materiali più sfruttati si trovano:

  • Il legno: è ecologico e presenta ottime proprietà isolanti termoacustiche. Dona calore, bellezza ed eleganza ed è un materiale duraturo. Nonostante ciò richiede comunque più manutenzione rispetto al PVC.
  • Il PVC: il cloruro di polivinile è un materiale totalmente ignifugo molto resistente ed economico e presenta un buon grado di isolamento termico e acustico. Seppur meno estetico rispetto al legno, il suo ottimo rapporto qualità-prezzo lo rende il più sfruttato nel campo edile.
  • L’alluminio: si tratta di un materiale leggero, molto resistente agli agenti atmosferici, economico e perciò molto utilizzato.
  • Le soluzioni ibride: le quali si compongono di più materiali combinati assieme come ad esempio il legno e l’alluminio, per approfittare di più vantaggi contemporaneamente.

Infissi e serramenti danno vita a porte e finestre

In conclusione i serramenti vengono collegati agli infissi grazie alla presenza di alcune cerniere per dare origine al risultato finale, ovvero a quelle che vengono comunemente definite come porte e finestre; quindi a strutture complete di cornice di ancoraggio e di ante. Insieme dovranno garantire un adeguato isolamento termico e acustico dall’esterno, senza dimenticare fattori quali l’estetica, la resistenza, la sicurezza e la componente ignifuga; elementi variabili a seconda dei materiali scelti e del tipo di serramento, i quali a loro volta condizioneranno il costo complessivo.

Tenendo in considerazione tutti questi fattori non sarà più difficile distinguere la differenza tra infissi e serramenti. Padroneggiando bene il significato di questi due termini, si potrà procedere al meglio anche qualora si avesse l’intenzione di installare nuove porte e finestre.